La rivoluzione del gioco Web3 ha un enorme debito con Web2

La rivoluzione del gioco Web3 ha un enorme debito con Web2


Poche persone si aspettavano che l’avvento della tecnologia blockchain avrebbe inaugurato una nuova era per i giochi. Spinti da un’ondata implacabile di clamore e innovazione, negli ultimi anni innumerevoli giochi blockchain sono usciti dalla linea di produzione, poiché sia ​​gli studi nativi di crittografia che quelli web2 sono entrati in azione.

Forse non sorprende che con lo svolgersi di questa nuova era, imprenditori e sviluppatori di giochi abbiano tratto ispirazione da concetti, modelli e modelli di successo del mondo dei giochi tradizionali. E in effetti, questa non è una brutta cosa. Che i risultati rivoluzionari nei giochi web3 siano raggiunti da innovatori e pionieri, o semplicemente da pragmatici che si adattano e costruiscono su ciò che è accaduto prima, è irrilevante. Anche il retrofit dei concetti web2 con le tecnologie web3 non è unico per i giochi: molti protocolli web3/crypto non reinventano tanto la ruota quanto la dotano di una tecnologia superiore per farla andare più veloce.

In definitiva, l’abbraccio di concetti collaudati da parte dell’industria dei giochi blockchain alimenta la crescita, migliora l’esperienza utente e promette di trasformare in meglio il panorama dei giochi. Ecco come.

Blockchain e giochi: un connubio perfetto

Mettendo i videogiochi su binari blockchain, gli sviluppatori possono arricchire l’esperienza di gioco consentendo l’uso di risorse e valute in-game, offrendo una vera proprietà e aprendo la strada a un fiorente mercato secondario.

I vantaggi di ciò sono duplici: in primo luogo, i giocatori possono sperimentare la familiarità dei giochi tradizionali mentre accedono a nuovi livelli di possibilità di gioco per guadagnare (P2E). Inoltre, viene creato un flusso di entrate completamente nuovo per sviluppatori e giocatori grazie alla possibilità di guadagnare, scambiare, vendere e trarre profitto da beni virtuali (avatar, skin, armi, ecc.).

Sebbene i token non fungibili (NFT) siano stati ingiustamente diffamati a causa di fattori macro difficili (chi ha detto che questi token avrebbero mantenuto il loro valore per sempre?), la loro integrazione nei giochi è stata uno sviluppo ampiamente positivo. La tecnologia Web3 consente la creazione e l’archiviazione di oggetti di gioco unici, verificabili e scambiabili che possono essere trasferiti senza problemi su diversi giochi o piattaforme. Pertanto, i giocatori possono essere ricompensati in termini reali per i loro sforzi di gioco.

La tokenizzazione di oggetti come la terra virtuale e le spade porta scarsità e unicità ai giochi, rendendo gli oggetti più ambiti e rintracciabili. I giocatori possono ora investire in beni virtuali che potrebbero apprezzarsi nel tempo, aggiungendo un’affascinante dimensione economica all’esperienza complessiva.

I beni virtuali, va detto, non sono un concetto web3: Iron Realms Entertainment ha messo all’asta una serie di oggetti digitali ai giocatori del suo gioco di dungeon multiutente (MUD) Achaea, Dreams of Divine Lands nel lontano 1997. Quello che fanno i giochi web3 è costruire su questo concetto, mettendo in gioco la blockchain per facilitare un mercato aperto e trasparente.

Potere del giocatore: l’ascesa di DAO, gilde e P2E

Gli oggetti in-game non sono l’unica cosa che i giochi blockchain hanno adattato dal web2. Hanno anche portato le gilde nell’ovile.

Gruppi organizzati di giocatori, variamente noti come gilde, clan o fazioni, si sono formati per decenni attorno ai videogiochi, in particolare quelli dei generi sparatutto in prima persona (FPS), multiplayer di massa (MMO) e giochi di ruolo (RPG). Le gilde proliferarono con la crescita della portata del gioco online e siti web e forum dedicati sorsero in massa. Il problema era che lo sviluppo e la governance dei videogiochi rimanevano in gran parte centralizzati nelle mani degli studi web2 e degli editori.

Il gioco Web3 ha cambiato la situazione, abbracciando il concetto di DAO – organizzazioni autonome decentralizzate – per potenziare le corporazioni attraverso il processo decisionale e il consenso guidati dalla comunità. I DAO di gioco hanno dato voce a comunità di giocatori disparate, consentendo loro di influenzare lo sviluppo del gioco, contribuire ai contenuti e persino allocare risorse di tesoreria condivise per mini-giochi, tornei, coniature NFT ed eventi.

Le elezioni regolari, nel frattempo, assicurano che l’opinione di ogni giocatore sia importante. Questo approccio democratico ha favorito un maggiore coinvolgimento, fiducia e lealtà dei giocatori, creando una relazione simbiotica tra gli sviluppatori e le loro comunità.

Lo stesso modello play-to-earn è anche un adattamento diretto del concetto web2 di premiare i giocatori per il loro investimento di tempo e abilità. Nel web2, i premi erano in gran parte limitati a vantarsi del livello che eri in grado di raggiungere o delle merci di gioco (per le quali non esisteva un mercato) che potresti accumulare. La tecnologia blockchain, tuttavia, consente ai giocatori di guadagnare mentre avanzano nel gioco, ricevendo ricompense significative per il completamento delle sfide e il raggiungimento di traguardi.

Questo modello rivoluzionario capovolge la tradizionale strategia di monetizzazione dei giochi. I giocatori sono passati dall’essere semplici consumatori a partecipanti attivi nell’ecosistema di un gioco. La rivoluzione DAO ha democratizzato il gioco mentre l’emergere del P2E ha fornito ai giocatori l’opportunità di generare valore reale dal loro gameplay.

Blockchain con uno scopo

Ovviamente, la blockchain fine a se stessa è una proposta completamente diversa. E senza fare nomi, ci sono sicuramente un certo numero di giochi web3 che non sono così decentralizzati come vorrebbero affermare. Affinché il web3 possa davvero prosperare, ci devono essere metodo e utilità. Blockchain, NFT, token di governance e il resto devono portare un valore reale ai giocatori, altrimenti sono solo sgargianti campanelli e fischietti.

Per fortuna, abbiamo molti esempi di giochi che fanno proprio questo. È impossibile immaginare che un gioco di carte collezionabili come NBA Top Shot sia popolare senza la blockchain (in questo caso, la blockchain Flow, ad esempio. Top Shot consente agli appassionati di basket di acquistare, vendere e scambiare NFT di oggetti da collezione digitali a tema NBA come i video salienti: potrebbe prosperare senza velocità di transazione elevate, commissioni di gas basse e un mercato aperto? Probabilmente no.

Rebase è un altro gioco che riflette l’etica blockchain-for-a-purpose. Descritto come un’app di avventura e stile di vita AR, è essenzialmente un’iterazione web3 di Pokémon Go: piuttosto che giocare per guadagnare, i giocatori “trovano per guadagnare”. La premessa è che qualsiasi tipo di risorsa digitale, sia essa criptovaluta, NFT o oggetto di gioco, può essere geotaggata su una specifica coordinata H3 in qualsiasi parte del pianeta. In questo modo, Rebase abbatte le barriere tra il mondo fisico e quello digitale, ludicizzando l’esperienza di conio NFT e aiutando gli utenti a uscire e conoscere IRL.

I metaversi immersivi come The Sandbox e Alien Worlds, nel frattempo, utilizzano la tecnologia web3 per incoraggiare e tokenizzare i contenuti generati dagli utenti e facilitare il commercio di beni digitali e terreni. Gli eventi ospitati nei metaversi sarebbero difficili da eseguire senza portafogli Web3 e ticket NFT.

Pensiero finale

La decisione dell’industria dei giochi blockchain di emulare concetti, modelli e modelli di successo dal mondo web2 si è rivelata un colpo da maestro. Sfruttando la potenza della tecnologia di registro distribuito e integrandola con ideali di gioco consolidati, sono stati raggiunti risultati impressionanti. Speriamo che questo impegno nel fondere vecchio e nuovo continui mentre il panorama dei giochi si evolve.

Ultime News
Padroneggiare l'integrazione di Salesforce CRM: 11 strategie essenziali per il successo!
Padroneggiare l'integrazione di Salesforce CRM: 11 strategie essenziali per il successo!
Come utilizzare gli NFT nell'istruzione per monitorare e premiare i risultati accademici
Come utilizzare gli NFT nell'istruzione per monitorare e premiare i risultati accademici
Il Metaverse Browser di Somnia: una porta verso la società virtuale
Il Metaverse Browser di Somnia: una porta verso la società virtuale
NFT nella verifica delle credenziali accademiche: migliorare la sicurezza e l'accessibilità
NFT nella verifica delle credenziali accademiche: migliorare la sicurezza e l'accessibilità
Stage virtuali nel Metaverso: sono il futuro per gli studenti universitari?
Stage virtuali nel Metaverso: sono il futuro per gli studenti universitari?