La Proof of Play garantisce un finanziamento di 33 milioni di dollari per le iniziative di gioco Web3

Proof of Play funding


La società di giochi Web3, Proof of Play, ha recentemente annunciato un significativo round di finanziamento, sottolineando il crescente interesse e gli investimenti nelle piattaforme di gioco decentralizzate.

Forte supporto per la prova di gioco

Proof of Play, sotto la guida del suo CEO Amitt Mahajan, co-creatore del popolare gioco Farmville, ha raccolto con successo 33 milioni di dollari per promuovere i suoi sforzi nello spazio di gioco Web3. L’annuncio, fatto il 21 settembre, ha attirato l’attenzione sia degli addetti ai lavori che degli appassionati. In particolare, Emmett Shear, co-fondatore di Twitch, fa parte del consiglio di Proof of Play, aumentando la credibilità e l’influenza dell’azienda nella comunità dei giocatori.

Il round di finanziamento ha visto la partecipazione di numerosi stimati investitori e aziende. Co-guidato da Chris Dixon di Andreessen Horowitz (a16z) e Neil Mehta di Greenoaks, il round ha visto anche il contributo di Naval Ravikant, Balaji Srinivasan e dei fondatori di Twitch. Inoltre, aziende Web3 come Anchorage Digital, Mercury, Firebase, Zynga e Alchemy hanno mostrato il loro sostegno alla visione di Proof of Play.

Nazione dei pirati

Nel dicembre 2022, Proof of Play ha introdotto la versione beta chiusa del suo gioco inaugurale, Pirate Nation. Il gioco, come presentato dall’azienda, promette di affrontare e superare le sfide che i giocatori spesso affrontano quando navigano nell’ecosistema di gioco Web3.

Proof of Play sottolinea la sua capacità di offrire “innovazioni tecnologiche e di prodotto” che consentiranno ai giocatori di approfondire un gameplay avvincente senza il prerequisito di comprendere le complessità della tecnologia blockchain. Questo approccio mira a rendere i giochi Web3 più accessibili e divertenti per un pubblico più ampio.

Inoltre, l’impegno dell’azienda nei confronti dei principi di decentralizzazione è evidente nel design di Pirate Nation. Definito un “gioco per sempre”, Pirate Nation opera indipendentemente da server esterni e non richiede l’intervento dei suoi creatori. Proof of Play ha anche espresso l’intenzione di rendere open source la sua struttura tecnologica in futuro, rafforzando la sua dedizione a un’ulteriore decentralizzazione.

La marea crescente degli investimenti nei giochi Web3

Il 2023 ha visto un’impennata degli investimenti diretti alle aziende Web3, in particolare nel settore dei giochi. Il recente finanziamento di Proof of Play è una testimonianza di questa tendenza. Altri casi degni di nota includono CCP Games, lo sviluppatore dietro EVE Online, che si è assicurato 40 milioni di dollari a marzo. I fondi sono stanziati per la creazione di un nuovo gioco spin-off EVE. Allo stesso modo, Hyperplay ha raccolto la cifra impressionante di 12 milioni di dollari a giugno, con l’obiettivo di migliorare la propria piattaforma di distribuzione e affermarsi come un formidabile concorrente di Steam.

In conclusione, gli ingenti investimenti e sviluppi nel settore dei giochi Web3 ne evidenziano le potenzialità e la fiducia degli investitori nella sua crescita futura. Con aziende come Proof of Play in prima linea, il settore è pronto a compiere progressi significativi nei prossimi anni.

Ultime News
Padroneggiare l'integrazione di Salesforce CRM: 11 strategie essenziali per il successo!
Padroneggiare l'integrazione di Salesforce CRM: 11 strategie essenziali per il successo!
Come utilizzare gli NFT nell'istruzione per monitorare e premiare i risultati accademici
Come utilizzare gli NFT nell'istruzione per monitorare e premiare i risultati accademici
Il Metaverse Browser di Somnia: una porta verso la società virtuale
Il Metaverse Browser di Somnia: una porta verso la società virtuale
NFT nella verifica delle credenziali accademiche: migliorare la sicurezza e l'accessibilità
NFT nella verifica delle credenziali accademiche: migliorare la sicurezza e l'accessibilità
Stage virtuali nel Metaverso: sono il futuro per gli studenti universitari?
Stage virtuali nel Metaverso: sono il futuro per gli studenti universitari?