Ecosapiens raccoglie 3,5 milioni di dollari per il movimento NFT ecologico

Ecosapiens raccoglie 3,5 milioni di dollari per il movimento NFT ecologico


Ecosapiens, un gruppo eco-consapevole lungimirante, ha recentemente raccolto 3,5 milioni di dollari nel suo ultimo round di finanziamento iniziale.

Il round è stato guidato dal fondo per consumatori web3 Collab+Currency e il noto costruttore gmoney si è unito come consulente. Altri importanti investitori in questo round includono Alex Witt, CFO di Celo, e Ryan Carson, ex COO di Moonbirds.

L’aumento dei finanziamenti evidenzia la dedizione della comunità NFT alla sostenibilità e all’azione ambientale. Unendo l’ecocompatibilità con la tecnologia all’avanguardia, progetti come Ecosapiens aprono la strada a un futuro più verde nello spazio NFT e oltre.

Rendere la sostenibilità piacevole e accessibile

Ecosapiens è stato istituito per costruire una comunità di individui attenti all’ambiente e fornire loro gli strumenti per avere un impatto positivo sull’ambiente. Per raggiungere questo obiettivo, Ecosapiens offre una varietà di risorse e infrastrutture digitali, inclusi NFT, infrastrutture per il carbonio, gruppi di chat e una serie di fumetti.

Il co-fondatore Nihar Neelakanti spiega: “Ecosapiens ha la missione di rendere la rimozione del carbonio e la sostenibilità fluide, divertenti e coinvolgenti”.

Questi strumenti consentono alle persone e alle aziende di ridurre l’impronta di carbonio, adottare prodotti ecologici e supportare la transizione verso un’economia verde creando una comunità solida e attenta all’ambiente.

Fonte Ecosapiens

Sfruttare il potenziale delle NFT per l’azione per il clima

Ecosapiens si impegna a rendere la sostenibilità ambientale un aspetto essenziale della vita quotidiana e degli hobby per persone di diversa estrazione, inclusi appassionati d’arte, collezionisti di NFT e ambientalisti.

Gmoney afferma: “Ecosapiens sta dimostrando che gli NFT possono sbloccare un potenziale incredibile, quasi infinito sfruttando la tecnologia per un’azione positiva per il clima”.

A febbraio, Ecosapiens ha presentato la sua innovativa collezione alfa, presentando gli NFT inaugurali al mondo supportati da carbonio. Per celebrare questo evento, 350 membri della comunità hanno ricevuto in omaggio una Chrysalis, che poteva essere migliorata e trasformata in un Ecosapien, compensando fino a 28 tonnellate di emissioni di carbonio, circa la quantità generata da un americano medio in due anni. Ad oggi, la collezione alpha ha catturato più di 1.700 tonnellate di CO2, un risultato simile a piantare circa 68.000 alberi.

Guadagnare slancio e riconoscimento nel settore

Ecosapiens ha già ottenuto riconoscimenti all’interno delle comunità di arte, sostenibilità e NFT, con oltre 17.000 membri della comunità su Discord. Il collettivo ha anche formato partnership con progetti importanti come Pudgy Penguins.

L’innovativo motion design e i personaggi “respiranti” dei loro oggetti da collezione hanno impressionato gli esperti del settore artistico, conquistando il primo posto nella categoria NFT dei Motionographer’s Motion Awards.

Per coloro che sono interessati a unirsi al movimento Ecosapiens, è semplice come ottenere una crisalide dalla collezione Genesis su OpenSea e farla evolvere nell’Ecoverse. Partecipando, sostieni un futuro più verde e diventi parte di una fiorente comunità dedita a fare la differenza.

Ultime News
La band del Metaverse di Bored Apes KINGSHIP porta la musica su Roblox
La band del Metaverse di Bored Apes KINGSHIP porta la musica su Roblox
Come Mad Lads sta alzando il livello nel panorama del mercato NFT
Come Mad Lads sta alzando il livello nel panorama del mercato NFT
CAW debutta con la mostra NFT nel Metaverso con il lancio del Museum of CAW Art (MoCA)
CAW debutta con la mostra NFT nel Metaverso con il lancio del Museum of CAW Art (MoCA)
DeGods Ends Points System in y00ts e DeGods: una nuova strategia si sviluppa
DeGods Ends Points System in y00ts e DeGods: una nuova strategia si sviluppa
L’UE punta a un ruolo attivo nella creazione del mondo virtuale
L’UE punta a un ruolo attivo nella creazione del mondo virtuale